Luglio 2018

7 luglio - ore 9 - Palazzo Farnese - Piacenza - Arkeotrekking: MAGHE, MONACHE, MADONNE
Si comincia con le sepolture delle donne armate, i resti della Dea Doppia, il fegato etrusco (vero e proprio abbecedario di magia) e le garibaldine alla Comune di Parigi a Palazzo Farnese, una delle più belle residenze rinascimentali in Europa. Poi si va dalla Madonna Nera. E poi si esplorano i misteri della Cattedrale: lo scriptorium, l'archivio, la biblioteca, decine di pergamene di prima del 1000 in mostra, e poi si sale fra le mura in passaggi segreti scavati nella pietra fino ad arrivare in cima alla cupola per vedere gli affreschi del Guercino a dieci centimetri dal naso...... da non perdere, anche perchè è l'utlimo giorno della mostra in Duomo....!!!!!!!
COSTI: visita guidata 30 euro più 5 di tessera associativa; minorenni gratis. Entrata ai musei e pasto al sacco a cura dei partecipanti.
arkeotrekking - piacenza - duomo.jpg
Formato JPG 719.0 KB
21 luglio - ore 10:00 - Estoul, Brusson (Ao) - nella rassegna Il richiamo della foresta, Montagne ribelli Tavola rotonda con Elena Mordiglia, Michela Zucca, Ezel Alcu, Nunatak, Edizioni Tabor
Eretici, ribelli, antagonisti hanno abitato montagna dal Medioevo a oggi, e continueranno a popolarla e attraversarla, a narrarne e scriverne la storia. Quali lotte hanno visto le Alpi? Cosa hanno in comune le nostre montagne con quelle del Kurdistan? Chi sono i ribelli che oggi abitano in quota?
Parteciperanno:
Michela Zucca: antropologa, specializzata in cultura popolare, storia delle donne, analisi dell'immaginario, civiltà della montagna. Ha fondato la Rete delle donne della montagna.
Ezel Alcu: è in Italia dal 2009 come rifugiata politica. Viene dal Kurdistan Bakur. Con Ezel parleremo del rapporto del popolo curdo con le montagne a partire dal detto secondo cui “I curdi hanno un solo amico, le montagne”.
Edizioni Tabor: casa editrice indipendente e senza fini di lucro, nata nel 2013 in Valsusa, con la prospettiva di esplorare i sentieri di autonomia, eresia e resistenza che attraversano i territori in cui viviamo. Un contributo alla riappropriazione dei saperi, della storia,
Il Richiamo della Foresta - Festival.htm
Documento HTML 72.3 KB